La pensione

p009_1_01Può capitare di dover partire e non poter portare il nostro gatto con noi. A volte di tratta solo di un fine settimana, un periodo troppo breve per spostare un gatto timoroso o particolarmente attaccato al nostro appartamento.
A questo punto si aprono diverse possibilità: la migliore è sicuramente avere un amico o un familiare che possa venire a casa nostra a pulirlo e nutrirlo. Se non disponiamo di una persona di fiducia alla quale lasciare le chiavi del nostro appartamento, possiamo ricorrere ad una cat-sitter, una figura professionale che si occupa di curare il gatto a pagamento quando noi non ci siamo. Oggi si trovano agenzie specializzate in questo servizio.
Altre possibilità? Portarlo da un amico che ama i gatti oppure lasciarlo, per il periodo in cui siamo via, in una pensione per animali domestici. In questo secondo caso accertiamoci che sia affidabile e che rispetti le fondamentali norme igieniche. Se dobbiamo lasciarlo per un lungo periodo, è meglio fargli passare prima una settimana in pensione in modo da valutare le sue reazioni a questo momentaneo allontanamento da casa. Una buona idea è andare a visitare la pensione di persona, prima di portarvi il nostro beniamino a quattro zampe. Non avvisiamo ma andiamoci di sorpresa: potremmo verificare come viene esattamente gestita.